Una domenica da non dimenticare per le nostre giovanili

Foto: una domenica da non dimenticare per le nostre giovanili. Bellissima partita della nostra Under 17 contro i pari età dell’Atalanta. Risultato finale: 5-1 (fonte: tuttocalciogiovanile.it).

In assenza del campionato, malamente sostituito da un noioso torneo per squadre nazionali in Qatar, proseguono le partite di alcune categorie giovanili.

In particolare si sono disputate le gare degli U17, U16 e U15.

Si trattava di un turno particolarmente impegnativo per le nostre squadre impegnate contro l’Atalanta (U17) e in due derby fuori casa (U16 e U15).

Come si sa le risposte sono state pienamente positive, sia per quanto riguarda i risultati, sia per prestazioni individuali, particolarmente significative proprio nelle occasioni che mettono maggiormente in difficoltà per la qualità degli avversari

Under 17: Inter -Atalanta 5-1

Partita bellissima, di grande intensità e anche interessante dal punto di vista di chi ama ‘studiare’ il calcio.

A Interello c’è ancora la vergogna degli ingressi contingentati, con solo chi ha l’accredito che può entrare e gli altri fuori ad aspettare l’inizio della gara per vedere che ci siano posti liberi,  che poi sono sempre molti di più di quelli disponibili per qualunque partita, se si eccettua forse il derby Primavera. 

Assurdo anche che per una partita di ragazzini si sia costretti a dare nome e cognome: serve solo a creare file e scoraggiare.

Se il modello organizzativo è respingente e non inclusivo, per fortunata la qualità del servizio offerto compensa largamente la sofferenza per un sistema che sembra proporsi principalmente di allontanare gli appassionati dal calcio.

Infatti le due squadre in campo offrono non solo uno spettacolo avvincente, ma anche, con il loro comportamento, materia di riflessione per chi ama questo sport.

Mi riferisco alla disputa tra “risultatisti” ed esteti, che può anche essere definita come diverbio tra chi preferisce gli atleti calciatori o i calciatori atleti

Diciamo subito che nei due tempi abbiamo assistito non solo a due ‘partite’ ben diverse ma, appunto,  quasi al confronto di due teorie sul calcio, due modi di vedere per qualche verso opposti.

Alla fine del primo tempo neppure il tifoso più accanito (cioè neppure io, mio figlio e mio nipote) avrebbe scommesso un euro su una nostra larga vittoria.

I primi 45 in effetti sono stati equilibrati e, se è vero che il loro vantaggio è stato incredibilmente fortunoso (palla rimessa in area dalla trequarti dopo respinta delle difesa, tentativo di cross, con pallone clamorosamente  sbucciato che disegna una parabola imprendibile e finisce nel sacco), noi oltre all’azione del pareggio, abbiamo avuto qualche occasione in più, ma loro ne hanno avute un paio piuttosto nitide.

Il loro gol mi ha ricordato un episodio epico degli anni 50, quando stavamo perdendo 3-0 in casa con l’Udinese. Negli ultimi  5’ ci portiamo sul 3-2, poi in pieno recupero una palla arriva a Lindskog, spostato sul centro destra diversi metri fuori area. Lo svedese la butta in mezzo, ma calcia male e la palla svirgolata finisce proprio nel sette disegnando una traiettoria  bizzarra, per il definitivo 3-3

Ma aldilà del risultato temporaneo, loro apparivano complessivamente più fisicati e potenti, anche se i nostri, compresi i più ‘leggeri’ ci mettevano una grinta e una tenacia ammirevole.

Quasi tutte le seconde palle erano però appannaggio dei loro giocatori più prestanti e la nostra difesa andava talvolta in affanno per le sovrapposizioni in velocità, soprattutto sulla nostra fascia destra.

Nella stessa fascia però, quando attaccavamo trovavamo spesso il fondo anche se  nessuno riusciva ad avventarsi sulla palla giocata all’indietro in centro area.

Proprio da un corner battuto da destra arrivava il pareggio, grazie a un anticipo spettacolare di De Pieri sul primo palo, con palla incrociata nell’angolino opposto.

Qualche bella parata di entrambi i portieri consentiva alle due squadre di andare al riposo in parità.

L’Atalanta era sembrata più potente e fisicata, noi avevamo mostrato più qualità nelle combinazioni, anche sullo stretto.

Le prospettive erano incerte.

Invece nel secondo tempo tutto è cambiato: o perché sono calati loro o perché i nostri ‘qualitativi’ sono saliti ulteriormente di tono, fatto sta che il dislivello fisico non si è più sentito e a quel punto la classe pura di alcuni nostri ragazzi l’ha fatta da padrona: 4 gol, un palo, diverse grandi parate di Sala, il loro portiere e dall’altra parte solo qualche uscita su palle alte di Zamarian.

Alcune nostre realizzazioni sono state davvero esaltanti, con il magnifico De Pieri sugli scudi, per il gol,  per due assist incredibili e per progressioni e recuperi.

E anche i cambi, molto numerosi, non hanno stravolto la situazione.

Al 56’ Pinotti, magistralmente servito da De Pieri nel vivo dell’area, trafigge inesorabilmente Sala.

Due minuti dopo è Tigani a chiudere una splendida combinazione presentandosi area e infilando di precisione.

Non passano 10 minuti e una nuova azione travolgente termina con palla deviata in corner. Sul tiro dalla bandierina è Spinaccé a staccare nettamente più alto di tutti e a deviare con forza in rete.

Il quinto gol è del nuovo entrato Vanzulli che servito meravigliosamente in area, tocca la sua prima palla, superando il portiere avversario con un pallonetto…

Non male, per un bergamasco di origine (Vanzulli è di Adrara San Martino, provincia di Bergamo e proviene dal Sarnico).

Questa comunque la formazione iniziale:

Zamarian

Re Cecconi, Garonetti, Maye, Castegnaro

Tigani, Zanchetta, Venturini

De Pieri

Pinotti, Spinaccé

Da notare che non giocava Mosconi, assente da qualche partita, e il nazionale Della Mora è entrato solo nei minuti finali.

Queste le mie pagelle:

Zamarian: 7

Non so se sto diventando più benevolo io con i nostri portieri giovani o se davvero abbiamo una batteria di ragazzi interessanti.

Fatto sta che Zamarian, senza essere stato chiamato a interventi eccellenti come il dirimpettaio Sala, ha mostrato sicurezza e attenzione ogni volta che è stato chiamato in causa.

Come Granziera e De Pieri, Zamarian proviene dalla Liventina, a conferma della bontà del sodalizio stretto dai nostri dirigenti con la società veneta, che intercetta anche i giovani talenti friulani.

Re Cecconi: 6.5

Sono sincero, è un ragazzo sul quale mi è difficile pronunciarmi, perché gioca e non gioca e quando l’ho visto a volte mi ha molto ben impressionato a volte mi è parso, come dire…incompleto.

Ieri è stato schierato titolare al posto di della Mora (una nazionale, per dire).

E’ fisicato e ha corsa. In fase offensiva fa bene, forse un po’ troppo lineare e leggibile, in fase difensiva nel primo tempo ha incontrato qualche difficoltà, ma non saprei dire se perché non protetto adeguatamente

(dal 35’ Della Mora: sv)

Garonetti: 7

Il giovane centrale italo nigeriano ha piedi decisamente più educati rispetto al compagno di reparto che però eccelle sul piano della prestanza atletica così da comporre una coppia complementare.

E’ lui che dirige la difesa e si segnala anche per le buone transizioni offensive.

Maye: 6.5

Giocatore potente, esplosivo, probabilmente sconta la provenienza da una società dilettantistica, meno esigente sul piano della formazione tecnica.

Anche in quest’ambito tuttavia mi sembra stia progredendo. Imbattibile sulle palle alte.

(dal 30’ st Chiesa: sv

Entra a partita decisa e tiene botta con relativa facilità. )

Castegnaro: 7

Prestazione sontuosa. Difficilissimo da superare per la sua velocità che gli consente recuperi importanti, quando spinge è una vera spina nel fianco della difesa orobica.

Velocità, resistenza e anche buoni piedi sono le sue caratteristiche. Non è altissimo, anche se la struttura non sembra quella di un brevilineo, ma per merito suo o demerito dell’avversario (più alto di lui) vince tutti i duelli aerei.

Tigani: 7.5

Tanto movimento e molta qualità in mezzo al campo. Quando gli avversari calano un po’ si spinge anche a operare da incursore, fino alla realizzazione di un gol spettacolare per la manovra che l’ha prodotto. Il ragazzo, ex Pro Sesto, non è certo nuovo a queste imprese.

Zanchetta: 7.5

Autentica rivelazione, almeno per me.

Qualcuno ricorderà che lo scorso anno non mi convinceva. Adesso sembra trasformato.

Batte tutti i calci piazzati (lo faceva già) ma soprattutto domina la sua zona da incontrista e avvia da play consumato la transizione offensiva.

Perno fondamentale.

(dal 35 st Ortelli: sv)

Venturini: 6.5

Tanta quantità unita a una qualità non disprezzabile (gioca con entrambi i piedi e può fare sia il play che la mezz’ala per la sua buona visione di gioco e le doti di corsa.

Il ragazzo ha senso della posizione spiccato e buona attitudine agli inserimenti

(dal 35’ Gaverini: sv)

De Pieri: 9

Giocatore semplicemente spettacoloso, in categoria almeno. Nove presenze, nove gol e 4 assist per il trequartista di piede sinistro ex Liventina.

Non è fisicatissimo, ma ha una forza e una determinazione straordinaria.

Imprendibile in progressione palla al piede, possiede dribbling, fiuto della rete, tiro e sa duettare splendidamente con i compagni.

Segna un gol da vero centravanti e manda in porta due volte i compagni con giocate da urlo.

(dal 30 st Sotgia: sv)

Pinotti: 7.5

Per struttura fisica e caratteristiche tecniche l’ex comasco mi sembrava un trequartista più che un centravanti.

In effetti è leggerino, ma va negli spazi con intuito e velocità impressionati.

Proprio la capacità di smarcamento e il tempismo sembrano essere le sue doti migliori.

Fatte le…debitissime proporzioni, mi ricorda un po’ in piccolo un altro ex comasco…Paolo Rossi.

(dal 25′ st Vanzulli: 7

Entra e alla prima palla che tocca segna un gol straordinario per tempismo, freddezza a precisione. Giocatore interessante.)

Spinaccé: 7

Unico giocatore davvero fisicato da centrocampo in su, Il centravanti ex Pordenone ha un ruolo fondamentale nel reparto, facendo da catalizzatore dell’azione favorendo con i suoi spostamenti l’inserimento dei compagni tecnici e veloci. In area fa sentire il suo peso e la sua pesonalità.

In occasione del suo gol, realizzato di testa, si eleva di mezzo metro buono sull’avversario diretto e indirizza nell’angolo con forza e precisione

(dal 30′ st Lavelli: sv

Dà il suo contributo nella gestione di un risultato ormai in cassaforte.)

All. Polenghi: 7

Meglio di così il mister non poteva prepararla

In conclusione: con questa vittoria (la nona in 10 partite) conserviamo 3 punti di vantaggio sul Verona, 7 sul Milan (unica sconfitta) e ora 10 sull’Atalanta.

Non so se vinceremo il campionato e non so quanti giocatori diventeranno professionisti di livello, ma certo i presupposti sono molto interessanti. Sarà un piacere seguire (se… i regolamenti  lo consentiranno)  i progressi di personalità e di fisicità di molti giocatori a questi livelli davvero promettenti.

Under 16: Milan – Inter 1-3

La partita si presentava difficilissima.

Il Milan, primo, aveva 18 punti, davanti all’Atalanta con 15; noi invece eravamo solo terzi a quota 10, avendo percorso un cammino a fasi alterne.

Mister Solivellas però schiera la formazione con i migliori disponibili e si prende anche dei rischi con un modulo 4312 piuttosto offensivo se si considera che tra i centrocampisti Mancuso, uomo ovunque, ha caratteristiche da incursore e l’ottimo e generosissimo Cerpelletti certo non è un incontrista puro.

Interessanti le dichiarazioni dell’allenatore nel post partita, quando insiste sul fatto che imperativo preliminare è far crescere i singoli, dando a tutti il giusto minutaggio. Solivellas ha negato di aver ‘preparato’ la partita anche in funzione del Milan ma sostiene di essersi occupato solo della crescita dei suoi. Anche se poi, ha aggiunto, soprattutto in un derby il risultato fa sempre piacere.

Infatti di esperimenti in questa gara mi sembra ce ne siano stati pochi e anche le sostituzioni (Affronti, Ojetti, Idrissou e Rovere) sono state poche e per lo più avvenute a risultato acquisito..

In un altro precedente intervento, al quale rimando,  avevo già dato le formazioni, non resta quindi che segnalare i giocatori che a giudizio di chi ha visto la partita sono apparsi particolarmente ispirati: Cocchi, autore di un grandissimo gol che ha sbloccato il match, su tutti. Poi Mantini, Ciardi (anche lui in gol), Mancuso (in gol su calcio di rigore) Balduzzi e Urbano.

In classifica continuiamo a inseguire, ma ora l’Atalanta è a soli 3 punti e il Milan a 5

Under 15: Milan – Inter 1-2

Qui il discorso era del tutto diverso, perché Inter e Milan avevano vinto sei partite su sei erano in testa alla pari e avevano fatto il vuoto alle loro spalle.

La partita assumeva quindi un po’ il carattere di una sorta di spareggio per la supremazia, almeno momentanea.

Mister Fautario schiera inizialmente questi undici:

Farronato

Lissi, Bovio, Peletti, Epifani

Virtuani, Grisoni, Fasana, D’Agostino

Curcio, Moressa, Carrara

Sono poi subentrati: Sorino, la Torre, Vukaj, Moranduzzo, Franchi.

Inter in vantaggio dopo pochi minuti grazie a un gran gol dell’ex milanista Curcio.

Lo stesso giocatore però falliva inseguito un calcio di rigore che avrebbe portato i nostri sul 2-0.

Così in un contesto di gara piuttosto equilibrato, un calcio di rigore assegnato al Milan, a fine primo tempo, consentiva a Comotto di raggiungere il pareggio.

Nella ripresa, anche dopo le sostituzioni, il match proseguiva con una situazione di sostanziale equilibrio, finché, in piena zona recupero una bella conclusione di Vukaj, forse deviata da un difensore rossonero sanciva il nostro meritato successo.

Tra i migliori dei nostri, oltre a Curcio, l’esterno destro Lissi, autentico treno sulla sua fascia, i centrocampisti Virtuani e D’Agostino e la punta Carrara.

In conclusione una notazione curiosa che forse può interessare: tra gli Under 14 sta facendosi notare il terzo esponente della dinastia Carboni.

Dopo i tre Esposito, i tre Carboni: le triplette …portano bene all’Inter.

Luciano Da Vite

Pubblicità

61 pensieri riguardo “Una domenica da non dimenticare per le nostre giovanili

  1. Il miglior prospetto delle nostre giovanili per ora gioca, bene, nella seconda squadra del Chelsea ed è stato pagato 20 milioni. Anche da noi giocherebbe nella seconda squadra e forse avrebbe qualche presenza in prima. Allora non è vero che ‘non abbiamo coraggio’ e non facciamo esordire i giovani come in vece fanno gli altri, se il migliore dei nostri fatica a trovar spazio anche altrove. Forse è vero che non abbiamo giovani così precoci da essere titolari in prima a 18 o persino 17 anni.
    Quanto alla nostra dirigenza (lo ripeto in due anni ha dovuto sostituire improvvisamente, senza aver soldi da spendere i 5 migliori elementi e tra i migliori al mondo nel loro ruolo
    – Conte lo hanno sostituito con Inzaghi un giovane allenatore interessante, che costa, ma ha fatto risparmiare rispetto al precedente.
    – Lukaku lo hanno sostituito con Dzeko a zero euro
    – Eriksen lo hanno sostituito con Calhanoglu a zero euro (ed è stato un colpo clamoroso, perché la rinuncia a Eriksen si è abbattuta imprevista e imprevedibile)
    – Hakimi lo hanno sostituito con Dumfries, una dozzina di milioni contro i 50 incassati
    – Perisic lo hanno sostituito con Gosens, che è costato abbastanza, ma quando lo hanno preso eravamo tutti felici: nazionale tedesco, proveniente da super campionati nella Dea.

    In più hanno inserito Di marco, Onana, Bellanova, Asllani, Darmian, Mikhitaryan e Acerbi, tutti gratis o per pochi euro.
    Secondo me hanno sicuramente sbagliato la sostituzione di Sanchez con il costoso Correa. Questo va riconosciuto.
    Di fronte a questo disastro, se fossi la proprietà caccerei tutti i dirigenti tecnici.
    PS alcuni di questi ‘nuovi’ sono stati presi ‘al risparmio’ perché per esempio per la fascia non avevamo i soldi per prendere Udogie (prima scelta) o Cambiaso (seconda scelta)

    "Mi piace"

  2. La Lega Calcio, su Instagram, ha celebrato con un post il rendimento nella prima parte di campionato di Nicolò Barella. Nessuno come lui – spiegano – perché è l’unico centrocampista che ha segnato almeno cinque gol e servito almeno cinque assist nei cinque grandi campionati europei 2022/23.
    Quegli ‘schifosi’ della Lega calcio, come è noto venduti all’Inter, trascurano di dire che gol e assist li ha fatti solo contro il Bologna

    "Mi piace"

  3. Interessante come ai mondiali ci sia gente che gioca nella B tedesca o in altre squadre di campionati decisamente secondari.
    Evidentemente i selezionatori sono dei pazzi a non considerare le scelte di dirigenti e tecnici che li hanno scartati.
    Vorrà dire che saranno idraulici….oppure che sono un po coraggiosi e vanno anche oltre l’ovvio, soprattutto se non possono contare su un bacino enorme. Magari che non può contare su un bacino finanziario enorme potrebbe provare a fare altrettanto.
    Tanto non vincere per non vincere (impossibile senza 100 mn annui da investire) si potrebbe provare qualcosa di diverso alla caccia del miracolo partenopeo

    "Mi piace"

  4. Non male anche Musiala, pagato ben 200 mila euro dal bayern nel 2020….o il canadese David pagato 27 mn dal lille (anno prima 100 k dal Gent, vs 31 di correa) ….a proposito di scouting.
    Purtroppo se non hai potere di spesa della premier questa è la strada da battere, a mio avviso, non i parametri zero da 6 mn netti l’anno.
    Il porto, ma non solo, insegna da anni

    Piace a 1 persona

  5. prima cosa grazie per la risposta. dopo anni ormai mi sono rassegnato al fatto che primavera prima squadra c’è un abisso. e la domanda è perchè c’è questo abisso?? per me è li che l’italia calcistica deve lavorare (e non chiudendo le frontiere)(forse è anche questo uno dei motivi per cui non siamo al mondiale).

    forse è il caso di analizzare del perchè il livello della competizione è così basso

    ultima cosa : ieri girava voce che Bellanova verrà riscattato.. bene il costo totale di questa operazione dovrebbe essere circa 10 mln.. avranno visto qualcosa che io non vedo ma per me il discorso è sempre quello .. i soldi (pochissimmi) li abbiamo e vengono buttati via..
    poi leggo Scalvini (non ci credo manco se lo vedo).. e oggi Djidji perchè in scadenza
    il futuro è veramente drammatico

    "Mi piace"

  6. Sarà, ma io preferisco arrivare secondo che sesto o ottavo con un giovane promettente.
    Poi è ovvio che se ho uno squadrone e pure molti soldi prendo i giovani più interessanti. Anche a costo di farli giocare nella seconda squadra come fa il Chelsea con il migliore dei nostri che noi non facevamo giocare per codardia. Che australiani o canadesi o di altri paesi giochino nella B di campionati più importanti è il minimo. Mica possono giocare nel loro che non conta.
    Quanti nazionali francesi o tedeschi o spagnoli giocano ‘coraggiosamente’ nella B del Canada o dell’Australia?

    "Mi piace"

    1. Boh, io tra tre secondi posti in sesto, un terzo e un primo preferisco la seconda opzione.
      Resta nell’albo e penso anche la solidità finanziaria ne beneficerebbe, aumentando i possibili acquirenti.
      Penso nessun nazionale tedesco giochi in B canadese ma il nazionale tedesco o spagnolo affermato non è più il target delle italiane, inclusi noi (salvo abbia 35 anni e voglia godersi pensione calcistica al sole italico).
      Capisco che questo aspetto sia difficile da digerire ma è così.
      Quali squadre italiane, gobba a parte con de ligt, sono andati all’estero a strappare a suon di soldi il cartellino di nazionali affermati e in piena crescita di carriera di Spagna e Germania negli ultimi 5 anni?

      "Mi piace"

  7. Oshimen, Lukaku, De katelaare, Abraham, Hakimi, Theo, ecc….
    ma poi che discorso è? Non c’è un’alternativa secca tra prendere uno da 120 milioni o un giovane futuribile da far giocare subito. C’è tutto un mondo di mezzo. certo Che Ibra e Giroud hanno regalato uno scudo al Milan che probabilmente …Cutrone o Pellegri non gli avrebbero regalato. Dzeko ci sta tenendo a galla più di Asllani e lo stesso Vidal ha segnato il gol decisivo per chiudere il campionato a Torino contro la juve. Noi per esempio eravamo arrivati prima di tutti du Turham e persino su Leao, giocatori forti e giovani già quotati. peccato che non avevamo i soldi

    "Mi piace"

    1. Esattamente, ci sono vie di mezzo.
      Ma devono essere seguite.
      Se poi crediamo che il Milan ha vinto scudo per Ibra o Giroud siamo su mondi opposti.
      Forse su Ibra però hai ragione, il suo infortunio ha tolto un paracarro che Pioli non osava panchinare, a proposito di tecnici che fanno scelte solo “tecniche”… la sudditanza esiste eccome, come è normale che sia. Chi ha giocato a calcio anche a livelli iperdilettantistici lo può confermare.
      Al posto di thuram abbiamo preferito Correa, questi sono i fatti. Si era infortunato, vero, ma argentino lo ha seguito infermeria da lì a poco e…non è ancora uscito. Esempio di Sanchez era lì ma evidentemente non abbiamo colto.
      Il giovane futuribile, lo ripeto per ennesima volta, da noi non doveva giocare subito. Asslani e Bellanova non giocano subito.
      Abbiamo perso anni in questo senso per andare sui Vidal: gol a gobba si ma uscita champions e altre follie anche.
      Lì avremmo potuto costruirci un backup più solido.
      Abbiamo scelto, non costretti, di fare altro. Abbiamo vinto un solo scudetto al pari di chi ha fatto scelte diverse e oggi è più futuribile.
      Mi spiace ma a conti fatti si sta rivelando una scelta errata. Capita

      "Mi piace"

  8. aumento la polemica :-)
    anni anni fa c’era un personaggio particolare tale Gaucci

    lasciando stare molte cose faceva quasi sempre mercati “particolari” in giro per il mondo.. la maggior parte delle volte andava male ma a volte riusciva nel colpo a sorpresa ( ex Nakata )

    poi si può anche parlare dei vari Liverani Grosso Baiocco presi dalle serie minori e portati in nazionale

    con questo non voglio dire che Ausilio deve andare vedere la viterbese (con tutto il rispetto ) solo che magari qualche affare fuori dalle società amiche è possibile e rimango convinto che bisogna potenziare lo scouting.

    Piace a 1 persona

    1. Esattamente.
      Ma è una strada più difficile da percorrere.
      Molto più semplice spendere i 30 mn annui disponibili in tre parametri zero di 35 anni da 10 lordi annui. Con, come scrivi società e procuratori amici.
      Non siamo solo noi eh, basta vedere competitività team italiani. Società che si sono in parte ribellati, milan e Napoli, sono casualmente i probabili vincitori degli ultimi due scudetti.
      Na capisco sia più facile puntare sui nomi, poi per il resto si vedrà.
      30 mn annui che in Italia hanno 3o4 squadre.
      Certo, se poi ci si vuole confrontare con inglesi inutile discutere.

      "Mi piace"

  9. Ok. Mi sono convinto. Con Cutrone al posto di Giroud o Pellegri al posto di Ibra il Milan avrebbe vinto comunque il campionato. Anzi, probabilmente Cutrone nel derby che ha deciso il campionato ci avrebbe fatto 4 gol, non soltanto due, Poi siccome sbagliano anche loro Cutrone e Pellegri li hanno ceduti Ib ra e Giroud no. ma solo per sudditanza psicologica.Io un po’ di calcio l’ho giocato, a bassi livelli. E sempre a bassi livelli ho anche allenato L’allenatore che preferisce i mammasantissima ormai fusi è sempre stata la giustificazione degli scarsi

    "Mi piace"

    1. Anche io ho goocato. Sarà come dici tu che hai sicuramente più esperienza soerienza….ok , Lazio e atalanta sono assemblate meglio, hanno speso meno (perché è cosi, sia su mercato sia su ingaggi) ma hanno dirigenti e tecnici peggiori dei nostri.
      Limite mio, ma francamente non capisco come possa tornare un ragionamento simile.
      Non parlo di Napoli e Bilan. I partenopei hanno il segno più sul mercato, hanno loro si ridotto di tanto stipendi. Non perdono 140 mn annui con fatturato inferiore al nostro.
      Se poi non credi alle cifre sono felice di attingere a fonti che dicano diversamente.
      Noi abbiamo effettivamente uno scudetto in più (per ora), sfascia dopo finanziariamente società: perché Suninf è vero non immette capitali (neppure de laurentis) ma perdiamo oltre 100 mn ogni anno.
      Ma abbiamo staff tecnico e dirigenziale che sta facendo il massimo. Sarà….

      "Mi piace"

  10. Io credo a queste cifre: finché abbiamo potuto fare un mercato normale li abbiamo messi tutti alle spalle. E di molto. Quando abbiamo dovuto cedere i 5 migliori senza poterli sostituire se con con giocatori a costo zero o giovani improbabili per rientrare di cifre importantissime, UNA delle nostre rivali (con il nostro stesso seguito di tifosi, ci ha messo sotto di due punti in situazioni molto particolari. le altre tutte dietro. Quest’anno sembra che una faccia decisamente meglio e con le altre (tutte rinforzatesi) siamo lì.
    Io non chiedo come si dice per polemica di spendere 100 milioni all’anno (anche si, se si riesce a rientrare dalle spese). Vorrei solo vedere la nostra dirigenza al lavoro senza dover fare 160 milioni di utili in due mercati. Vorrei vedere qualunque squadra vincere essendo costretta a fare 160 milioni di utili in due mercati.
    Perché siamo arrivati a questa situazione? perché i nostri finanziatori (non solo Suning ma anche importanti sponsor cinesi) hanno subito un improvviso e imprevedibile declino finanziario.
    Rispetto a molte nostre attuali competitrici L’Inter per la sua storia, il fascino che esercita e il suoi blasone ha il diritto di poter contare su ingenti finanziamenti.

    Piace a 1 persona

    1. Luciano, le possibilità sono due e non valgono solo per l’Inter ma per tutte le squadre italiane. Opzione n° 1. Ti tieni il monte ingaggio altissimo (il secondo della serie A con distacco abissale sul terzo) ma non puoi acquistare giocatori se non parametri zero (con ingaggio alto e qui si crea il cane che si morde la coda), anzi ti tocca pure vendere qualcuno se ti arrivano offerte interessanti. E questa è la politica Marotta/Ausilio. Opzione n° 2. Abbassi di brutto il monte ingaggi facendo anche delle rinunce dolorose (vedi Donnarumma, Calhanoglu, Kessie. Nel nostro caso potevano essere Brozovic o Skriniar), liberi così delle risorse economiche che investi su giocatori giovani e interessanti e con ingaggio ancora sostenibili (e qui, se azzecchi gli acquisti, puoi generare il circolo virtuoso). E questa è la politica di Maldini/Massara e di Giuntoli. Una terza opzione fatta di monte ingaggio altissimo e di acquisti di nuovi giocatori costosi non esiste se non nell’ipotesi estremamente remota che arrivi un nuovo proprietario tifosissimo e ricchissimo disposto a perdere tutti gli anni 200 ml di euro o più.
      A me sembra più interessante e soprattutto più vincente nel lungo periodo la seconda opzione.

      Piace a 1 persona

  11. Solo che i giovani non li devi mai sbagliare e una volta diventati forti (se lo diventano) o gli dai i soldi che offrono altri o se ne vanno e devi ricominciare da capo. Noi non abbiamo dovuto vendere 5 fuoriclasse (allenatore compreso) per gli alti ingaggi, ma per i bassi introiti conseguenza di situazioni extra calcistiche. perché i campioni fanno spendere soldi, ma fanno anche arrivare soldi (dalle tv, dalle vittorie, dagli sponsor, dal valore del brand)

    "Mi piace"

  12. Comunque i discorsi astratti non hanno molto senso. Dipende da chi sono in concreto il campione con alto ingaggio che vuoi vendere e il giovane con basso (per il momento) ingaggio che vuoi prendere. per esempio nonostante la stima immensa che ho di Skriniar l’avrei ceduto per Bremer, risparmiando sull’ingaggio e guadagnando sul doppio trasferimento. ma solo se questo fosse servito per arrivare, che so, a Udogie, invece che a Bellanova. Non se fosse servito a rimpinguare le casse societarie. Poi tutti parlano di Milan e di Napoli. ma Il Milan ha preso anche Kjaer, Giroud e Ibra e il napoli ha tenuto giocatori chiave. Non esistono squadre che vincono investendo solo sui giovani

    "Mi piace"

  13. Non si parla solo di giovani!
    Quando abbiamo costruito un undici solido, e lo abbiamo da qualche anno, per me errore è stato non usare risorse per profili di backup più futuribili e sostenibili finanziariamente.
    Noi abbiamo optato per cileni, kolarov, ecc. E il player trading non c’è stato.
    Su risorse: se hai il secondo fatturato d’Italia (con grande gap sul terzo) ma perdi 140 mn ogni anno, vuol dire che i costi, che sono le risorse di cui disponi ogni anno, sono molto alti (per standard italiani).
    I costi, come ha spiegato Luca, sono stipendi e ammortamenti di acquisti.
    Data questa situazione, per me uno scudetto solo non può essere considerato indice di bravura. Anche negli anni di spalletti, con suning che spendeva di più, si acciuffava il quarto posto a pelo dietro squadre che scendevano molto meno: come dimenticare i 30 mn scuciti per naingo o la clausola di vecino? Stesso approccio attuale, puntare i maturi che vogliono tanto, sono invendibili e ti affossano conti.
    Che poi il ns blasone richieda soldi a pioggia lo vorremmo tutti ma questo è un altro discorso

    "Mi piace"

  14. Buona domenica a Voi Tutti. Intanto la società sembra orientata ad una politica di puntare sui giovani. Ho un solo dubbio a questo punto: non sono convinto che l’allenatore che abbiamo sia adatto a questo scopo. Punta troppo sull’usato sicuro (e mezzo rotto).

    Piace a 1 persona

    1. Esatto!
      Il problema grosso per me sta li: Inzaghi è pagato da top in Italia ma non lo è affatto.
      Almeno non lo ha mai dimostrato

      "Mi piace"

  15. nessuno è contrario a prendere giovani davvero forti, anzi. Chi può preferire un giovane fortissimo a un campione in disarmo? Il problema è quando per mettere via soldi non puoi prendere i primi 10 giovani della tua lista (per ogni ruolo) ma devi andare sul dodicesimo o quindicesimo. Che poi non gioca perché è scarso (almeno per il momento) e al suo posto gioca Il Mikhitaryan di turno, costato appunto zero lire. oggi circolano nomi di giovani sulla carta molto forti: scommettiamo che non verrà nessuno di quelli? Oppure ne verrà uno in cambio della partenza di un paio di campioni.
    Francesco Buono: mi ripeto non esiste un allenatore che se gli chiedi se preferisce il giovane Haaland (dico quando era giovane) o il fortissimo Giroud sceglie il secondo e comunque il giovinetto Haaland non lo fa giocare. Se Gioca Mikhi e non Asllani è perché il primo OGGi dà più garanzie. perché nel calcio il problema non è fare una bella apertura in 90′, ma essere una presenza consistente che incide nei meccanismi della squadra.
    Ma comunque , lo ripeto, mi rassegno. Sono l’unico a pensare che i nostri problemi derivino da una proprietà (che sostengo e non colpevolizzo) trovatasi improvvisamente a non avere i mezzi finanziari per sostenere una squadra di livello. Tenta di tenerla ai vertici, magari per venderla, con i parametri zero. ma non è una scelta, solo una necessità. Quando ha potuto ha preso i Conte, i Lukaku, gli Hakimi, gli Eriksen…E non ha mollato i perisic

    "Mi piace"

  16. Luciano. Per fare la gestione che chiedi tu bisogna trovare un presidente che sia ricchissimo e tifosissimo e non abbia problemi a perdere tutti gli anni 200 ml o giù di li. Che consideri l’Inter come un giocattolo costosissimo con il quale divertirsi insieme a noi tifosi. Un Moratti 3.0. Esiste una persona così al mondo? Ne dubito. Ma tu pensi che se a Suning subentrerà un nuovo proprietario questo si metterà a spendere e a spandere? Di sicuro se subentra una proprietà statunitense (imprenditore o più probabilmente fondo) la gestione sarà economicamente oculata e virtuosa. Se vogliamo il ricco scemo o anche se non scemo che non badi a spese dobbiamo sperare in un qualche soggetto proveniente dall’Arabia o dal Qatar o da Dubai o al limite (più difficile) dalla Cina.

    Piace a 1 persona

    1. Esattamente.
      Ma se fatturi oltre 400 mn (brava Suning!) ma ne perdi 140 vuol dire che hai costi per 600 mn.
      In Italia sei secondo solo a gobba ma con distacco su altri.
      Dovresti essere la in alto in ciabatte, invece vieni considerato al pari di altri. È una cosa così scontata che non capisco perché non sia accettata.
      Capita di sbagliare: si puntava a fare filotto di scudetti. Ne porti a casa tre di fila, giù il cappello e si riparte
      Ne porti a casa uno hai sbagliato. Punto.
      Invece si cercano ipotesi fantasiose e teoriche …non capisco

      "Mi piace"

  17. A me basterebbe uno che comperi la società e azzeri i debiti. Poi una gestione normale, anche con una perdita di 50 milioni annui che l’investitore recuperi in altri suoi settori di attività, sfruttando le vittorie e le relazioni virtuose che provengono da una squadra forte e vincente.. Poi ( e qui è difficile battere Suning) bisognerebbe incrementare le entrate. ma ho fiducia, ad esempio, in Antonello e anche nel nuovo stadio, ovunque si faccia. Quello che ci condanna è il dover rientrare dai debiti, problema che le altre non hanno non perché non ne abbiano fatti, ma perché non devono fare i conti con le politiche del governo cinese e con una recessione industriale dei settori forti della proprietà Il tutto improvviso e imprevedibile.

    "Mi piace"

  18. Secondo me il debito non condiziona la gestione. Negli ultimi tre anni, anche a casua del covid, l’Inter ha perso mediamente 150/200 ml l’anno a prescindere dai debiti. Se non ci fossero stati i debiti le perdite di bilancio sarebbero state le stesse (anzi qualcosina di meno per via degli oneri del debito stesso). Le perdite di bilancio sono state causate banalmente da uno sbilancio tra ricavi e costi. Costi che in una squadra di calcio sono dati principalmente da ammortamenti (acqisto giocatori) e da ingaggi. Il debito semmai condiziona il prezzo di vendita della società. Più il debito aumenta e minore sarà il prezzo che Suning potrà spuntare. Anche qui mi sembra che si stia determinando un cane che si morde la coda. Non vendo perchè non mi danno il prezzo che chiedo. Per cui vado avanti con la gestione. Che a fine anno perde e quindi il prezzo cala. Forse Suning va avanti con la speranza di sbloccare la questione nuovo stadio con conseguente aumento del valore della società. Boh! Sicuramente mi sfugge qualcosa. Comunque ad essere onesti noi tifosi non possiamo proprio lamentarci di Zhang. Neanche dell’ultimo Zhang meno spendaccione di quello dei primi anni. Semmai ci possiamo lamentare di Marotat e di Ausilio di come utlizzano male le perdite di Zhang.

    Piace a 1 persona

  19. E invece c’è tutta una narrativa imperante nei media mainstream del tipo “fortuna che c’è Marotta che riesce a fare miracoli senza soldi, altrimenti chissà dove saremmo finiti in classifica”. Della serie: l’economia questa sconosciuta. Vorrei vedere Marotta, ma soprattutto vorrei vedere quel miracolato di Ausilio con una proprietà tipo il fondo Elliot o Friedkin o Comisso.

    Piace a 1 persona

  20. Confermo: per fortuna che c’è Marotta: vorrei vedere i presidenti che dici che devono vendere, che so Theo, Leao, Tonali, Rebic e…Pioli senza avere i soldi per sostituirli. Ben che vada fanno la fine della Fiorentina che sta a galla pur avendo dovuto cedere ogni anno i migliori (ma una parte dei soldi ha potuto reinvestirli). I debiti sono la diretta conseguenza del covid (mancati incassi) e della politica del governo cinese che ha fatto scomparire tutti gli sponsor. Poi del fallimento di Suning in Cina che le ha impedito di rifinanziare senza accendere prestiti onerosissimi. Infine le cessioni hanno a loro volta diminuito i risultati sportivi e abbassato di conseguenza gli introiti

    Piace a 1 persona

  21. Franchi Carrara D’agostino e Lissi, oltre a un autogol hanno regalato la vittoria all’Inter sul Venezia (5-0) nel giorno in cui il Milan ha perso a Udine. Purtroppo non ho potuto vedere la partita (come quella dell’U16) perché sono stato operato ieri agli occhi e ho dovuto restare a casa. Quindi questa settimana niente post sulle giovanili

    Piace a 3 people

  22. Per la verità il Milan ha rinuciato Donnarumma e a Calhanoglu e ha vinto uno scudetto. Quest’anno hanno rinuciato a Kessie e sono rimasti competitivi. Il prossimo anno al 99% venderanno Leao e forse (mi auguro di no) rimarranno ugualmente competitivi.

    "Mi piace"

    1. Certamente non pescano i soliti usati pseudo sicuri alla naingo o correa.
      Rischiano, certo, ma cosa devi fare?
      Bennacer, tonali, duaz, theo….tutta gente non superiore ai 25 mn con stipendi inferiori a dzeko

      "Mi piace"

    1. Su 4 anni di contratto (la norma per acquisti sopra i 20 mn, addirittura quinquennale) il costo annuo è 12 mn (6 ammortamento e 6 stipendio) vs 11 di Dzeko (5,5 netti, che è ciò che prende).
      Come vedi impegno economico identico sull’anno.
      Con una differenza, non da poco: nel primo caso hai un asset, puoi rientrare, nel secondo caso hai nulla. Anzi, spesso, paghi rescissione come purtroppo abbiamo sperimentato.
      Ripeto, se con questa scelta vinci 3 scudetti mi tolgo il cappello.
      Se ne vinci uno come gli altri no.

      "Mi piace"

  23. Benino i nostri giovani: oltre al 5-0 degli Under 15, c’è il 2-0 degli Under 16 (stesso avversario) e il 5-0 degli under 17 in trasferta a cagliari.
    Malino gli U18 che hanno pareggiato 2-2 a Parma perdendo una grande occasione di rilanciarsi nella corsa ai primi posti

    "Mi piace"

  24. Spero che dopo l’operazione agli occhi sia tutto ok. Per quanto riguarda la nostra INTER abbi fede che manca poco. Ci risentiamo

    "Mi piace"

  25. No. ora sono a letto con la febbre alta e mi alzo dieci minuti ogni tanto per scrivere. Speriamo che tu abbia ragione sulla proprietà e soprattuto speriamo che chi arriva abbia soldi da investire. Io sono esigente per la mia Inter e le squadre costruite sui giovani le lascio volentieri agli altri. Certo se c’è un giovane fortissimo e abbiamo i sodli per prenderlo faccio salti di gioia (come per Lauti, Skriniar Barella, ecc. A suo tempo

    Piace a 1 persona

  26. Segnalo un sito YOUTUBE dove trasmettono gli Highlights delle giovanili U14-U15-U16-U17-U18 . LGI SPORT Web Channel

    "Mi piace"

  27. interessante l’intervista a Fabbian. eccone un passaggio: “Sono un giocatore a cui piace molto inserirsi senza palla e attaccare la porta avversaria per segnare. Liberare gli spazi e buttarsi dentro è quello che richiede anche il mister. Posso migliorare sotto molti punti di vista, nella costruzione del gioco e a livello tecnico”.
    Sempre pensato che queste siano esattamente le sue caratteristiche. Perciò non mi convinceva del tutto il centrocampo Primavera campione d’Italia: per l’assortimento non per le qualità dei singoli.
    Il play basso era il Sanga, ottimo incontrista con gran senso della posizione ma poca forza (fatica a trovar spazio a lecco, in C) poi c’erano due mezze ali per certi aspetti simili: Fabbian appunto e Casadei. Nesusno dei due è un ‘creatore di gioco’ come lo sono ad esempio Brozo e anche Calha. Entrambi sono giocatori la cui specialità è buttarsi dentro. Casadei è più potente e ha uno stacco da cestista, Fabbian ‘vede’ meglio gli spazi e ha grande tempismo.
    Casadei ha potenzialmente più margini di crescita, ma non è facile affermarsi in b come sta facendo Fabbian (che giustamente ricorda come non ci sia paragone tra ritmo forza e velocità nei campionati professionistici rispetto alla Primavera e…dovremmo ricordarcelo anche noi quando vogliamo l’esordio dei giovani).
    Tornando alla Primavera dello scorso anno, mancava qualità (nel senso di tecnica, palleggio, geometria, visione di gioco) per le caratteristiche individuali dei titolari, singolarmente tutti ottimi. per questo raramente ‘facevamo la partita’ e Chivu ha ottenuto il massimo dal gruppo.
    Tra i giovani di cui si parla in prospettiva mercato a me piace Baldanzi, che comunque sarebbe da aspettare. secondo me il suo ruolo a livello di Inter e di serie a in genere è più complicato per un giovane rispetto ad esempio a quello di Asllani.
    Poi, so che con Mou è quasi impossible, ma io farei follie, sempre in prospettiva, per prendere Volpato della Roma

    "Mi piace"

  28. La condizione di…lungodegente mi ha costretto a seguire i mondiali (come sapete io preferisco di gran lunga le giovanili dell’Inter a una competizione per squadre nazionali).
    Personalmente dall’inizio ho tifato Marocco e tra Belgio e Croazia (entrambe con interisti) ho tifato per la Croazia. In Germania Sosa, di cui si è parlato in prospettiva Inter atleticamente e come movimenti mi è sembrato un degno sostituto di…Perisic, del quale però non possiede la lucidità e la facilità di giocata negli ultimi 20 metri.
    Mi è piaciuto abbastanza Mc Allister (che però inizialmente sarebbe riserva dei nostri tre).
    Benissimo Musiala (a cui non si può neppure pensare), ma il nostro vero problema è trovare prestissimo degli attaccanti, considerando che Correa è del tutto inaffidabile, Dzeko ha i suoi anni e Lukaku al momento resta un’incognita. Thuram andrebbe bene ma servirebbe anche uno rapido e fantasioso, una specie di Sanchez giovane.
    Julian Alvarez è stata una buona occasione persa, considerando che non era neppure carissimo, ai tempi

    "Mi piace"

    1. Ho seguito il secondo tempo di Croazia Belgio.
      Il Telecronista, non so chi fosse francamente, ha “massacrato” Lukaku. Non ho capito se l’ha fatto “volutamente” (diktat aziendale …) o per incapacita’ professionale. Certo che non menzionare mai che erano i primi 45 minuti giocati dopo praticamente 2 mesi di stop forzato … va beh. Con un fisico come il suo a me e’ sembrato anche essere meno a terra di quello che pensavo. Poi non gli si puo’ chiedere anche la reattivita’, che cmq non e’ la sua prerogativa neanche quando e’ in forma .

      "Mi piace"

  29. Sulla juve: non ho mai creduto alle cifre dei bilanci ufficiali di nessuna società (non solo calcistica o sportiva). Certo, loro avrebbero fatto porcate di livello inimmaginabile. Ma credo che ogni contratto di giocatore importante nasconda una parte in nero. per questo non mi appassiono ai presunti confronti su chi ha fatto bene e chi ha fatto male sul mercato. Se non sai quanto si è speso davvero…

    "Mi piace"

  30. Ricordo un episodio di una mia conoscente che lavorava da segretaria del direttore di una grande multinazionale a un piano alto di un palazzo di via Senato. Quando il portiere avvisò che stava salendo la finanza, lei buttò i libri contabili ‘veri’ dalla finestra e tutto filò liscio

    "Mi piace"

    1. Non so quanto tempo fa e’ successo questo episodio. Da un po’ di tempo non te la cavi cosi’ facilmente buttando i libri … (per fortuna !)

      "Mi piace"

  31. A proposito di bilanci, cifre ufficiali, ecc.
    Da “Il Fatto”:
    “L’episodio, secondo gli inquirenti che indagano sui presunti falsi in bilancio della Juventus in tre delle ultime quattro stagioni, è sintomatico dei rapporti di “collaborazione e di partnership” con alcuni club. In particolare vengono citate Sampdoria, Atalanta, Sassuolo, Empoli, Udinese, ma anche Pisa, Monza, Parma e alcune estere tra cui Lugano, Basilea e Sion. Si tratta di rapporti che, ad avviso degli investigatori, “influenzano le operazioni di acquisto/cessione dei calciatori” e “sfociano in rapporti di debito/credito tra le società opachi e non corrispondenti alla rappresentazione pubblica fornita”.

    Piace a 1 persona

  32. La cosa che, spero, possa far male ai gobbi è che sono quotati: follia per una squadra di calcio fatta di asset immateriali e dal valore molto variabile e soggettivo Co.e i calciatori.
    Poi sul piano sportivo al solito troveranno scappatoia…in Italia. In Europa con superlega non credo abbiano molti amici.
    Consob non può farla passare liscia

    "Mi piace"

  33. Under 15 Cittadella Inter 0-4 (Nourice, Franchi 2, Curcio)

    Under 16: Cittadella Inter 1-2 (Mancuso 2)

    Under 17: Inter verona 2-2 (Ciardi Lavelli). Inter che spreca doppio vantaggio

    Under 18: Verona Inter 0-4 (Berembruck 2, Owusu, Bovo). I gol sono visibili in rete

    "Mi piace"

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.