Andata dei Quarti di finale Under 17: Inter – Lazio 4-2

Uno scatto di Francesco Pio Esposito. Espo è stato protagonista assoluto della gara di andata dei Quarti di finale Under 17 vinta dai nostri ragazzi con il risultato di 4-2 contro i pari età della Lazio.

Ancora una partita entusiasmante per il pubblico, che si diverte per i continui colpi di scena e fondamentale per la crescita dei ragazzi, perché è da  partite come queste, da dentro o fuori contro avversari di grande valore, che si incominciano a intravedere le reali possibilità dei singoli.

Bisogna riconoscere che, se a livello di serie A la mancanza di playoff è sportivamente corretta, perché premia il migliore nell’arco delle 38 giornate, a livello di giovanili, dove la formazione conta più del risultato (quasi) l’opportunità di moltiplicare sfide di questo tipo è davvero un notevole upgrade nel processo di crescita dei ragazzi.

Queste sfide da dentro o fuori tra squadre di potenzialità molto simili risultano tiratissime, ricche di colpi di scena e richiedono a tutti i partecipanti di alzare il livello delle proprie prestazioni per cercare di spuntarla.

Inter – Lazio non ha fatto eccezione, ma basta riandare col pensiero ad alcune recenti sfide che hanno interessato le nostre squadre per trovare una quantità di esempi.

  • Si parte dall’Under 14 che dopo aver battuto in semifinale la juve 3-0 va due volte in vantaggio nella finale con l’Empoli e due volte viene raggiunta, per poi conquistare il titolo  con la terza decisiva rete.
  • Si prosegue con l’Under 15, battuta in casa 2-1 dall’Atalanta, che poi va a vincere a Bergamo 1-0 e non si qualifica solo perché i bergamaschi erano meglio piazzati nella regular season.
  • Non parliamo poi degli Under 16, che sotto di 3 gol a 12 minuti dal termine nella sfida contro la Roma, la ribaltano incredibilmente vincendo 4-3. Che poi, perdendo 2-0 a Roma siano usciti ugualmente non cambia l’eccezionalità della sfida.
  • Che dire quindi della Primavera che, in semifinale, sotto di 3 gol col Cagliari, nell’ultimo quarto d’ora acciuffa il risultato e il passaggio del turno. E ancora la Primavera nella finale con la Roma  è sotto di un gol a poco dal termine, ma riesce a recuperare e nei supplementari la ribalta.

Così Inter – Lazio con i nostri che vanno in vantaggio, la Lazio pareggia poi noi realizziamo il secondo e il terzo gol.

Ma non è finita, perché al 91’ un rigore generosamente concesso ai laziali rimette quasi in equilibrio la partita (giocata a un ritmo straordinario almeno per i nostri campionati giovanili). Eppure passano due minuti e al 93’ l’Inter ristabilisce le distanze.

Bisogna innanzitutto dire che le due squadre (o forse le due società o i relativi uffici stampa) hanno preparato il match in modo molto diverso.

I laziali sono accorsi in massa a Milano, addirittura in treno, ed erano almeno il triplo dei nostri, tanto da riuscire, a mio parere a condizionare alcune scelte arbitrali.

Per noi erano presenti in pratica solo i genitori, qualche procuratore, io e alcuni miei amici.

Questo perché sul sito ufficiale della società si è tenuto nascosto lo svolgimento della gara.

Addirittura nel programma del week end delle giovanili erano segnate solo le partite delle giovanili femminili.

Dal punto di vista delle scelte di campo invece la partita è stata preparata benissimo, come del resto le altre di queste fasi finali, vinte o perse.

Stop alle formazioni poetiche e …avveniristiche, dentro solo undici 2005 con qualche 2006 in panchina.

Mancava anche qualche 2005 tra i più pronti ma questa ormai è una tradizione: Owusu, Quieto, V. Carboni giocheranno mercoledì a Firenze con l’U18, presumibilmente e lo stesso Stankovic è entrato solo nel corso del secondo tempo, perché anche lui dovrebbe essere titolare in Toscana. Tra gli assenti anche Zefi.

Questa comunque la nostra formazione:

Calligaris

Aidoo, Guercio, Stabile, Motta

Bovo, Di Maggio, Berenbruch

Ricordi

Esposito, Martins

Panchina: Tommasi (2006), Miconi, Castegnaro (2006), Stankovic, Ciuffo, Liserani, Vedovato,  Tamiozzo, De Pieri (2006).

Match partito subito, come dicevo, a ritmi altissimi, anche in considerazione del caldo opprimente che gravava sul terreno.

La Lazio appare complessivamente superiore come struttura atletica dei suoi giocatori, noi abbiamo qualche elemento di tecnica superiore (Di Maggio, Esposito, Ricordi e in teoria anche Berenbruch).

La Lazio parte in pressing alto, ma le prima occasioni sono dell’Inter.

Al 6° Aidoo di testa serve Martins che a tu per tu col portiere manca la facile realizzazione

All’ 11° non sbaglia Pio che in seguito a una mischia, provocata ancora da un’incursione di Aidoo, riceve da Ricordi una palla alta, sulla quale il bomber si avventa, cogliendo l’angolo alla sinistra del portiere.

La Lazio reagisce e il problema principale per i nostri è sulla fascia sinistra, dove il loro terzino destro spinge moltissimo e Berenbruch fatica a contenerlo. Così spesso Motta si torva tra due avversari.

Poco dopo infatti è proprio Cannatelli a pescare Brasili libero al centro dell’area, ma il colpo di testa del centravanti finisce alto.

Al 20’ il pareggio casuale della Lazio, che però era un po’ nell’aria.

Respinta corta della difesa su corner, un Laziale conclude dalla distanza, il pallone è clamorosamente fuori bersaglio, ma… incoccia nella testa di Brasili che con una frustata lo mette nell’angolino

Poco prima della mezz’ora è Pio a girare di testa un ottimo cross di Martins, ma la palla finisce alta.

Subito dopo il capolavoro di Esposito: punizione dalla trequarti, bolide di Espo che incoccia la traversa. Nella mischia che si sviluppa si fa luce Di Maggio che infila rasoterra.

In pieno recupero Magri si conferma portiere da nazionale con una grande parata sulla conclusione di Berenbruch, dopo tocco all’indietro ancora di Pio.

Nel secondo tempo, dopo pochi minuti ancora Pio porta l’Inter sul 3-1.

L’azione è piuttosto casuale perché un tiro di Aidoo viene alzato di testa da un difensore sulla palla alta si avventa Espo, che fa secco …Magri.

Diciamo che questo gol pareggia, come casualità quello del temporaneo pareggio della Lazio, perché in entrambi i casi la palla è pervenuta in modo fortuito al realizzatore.

La partita prosegue a ritmi elevati e comincia la sarabanda di cambi, da entrambe le parti

Per noi entrano:

  • Stankovic per Stabile,
  • Ciuffo per Berenbruch,
  • Vedovati per Martins,
  • Miconi per Aidoo,
  • Liserani per Bovo, 
  • Castegnaro per Motta (crampi),
  • Tamiozzo per Esposito.

Dopo un palo colpito di testa ancora da Brasili, l’Inter ha un’ottima punizione dal limite (con tanto di giallo  per il laziale che probabilmente poteva essere rosso)..

Si avvicinano Di Maggio e Stankovic, poi calcia il primo, ma la barriera respinge.

La partita, sempre intensa, scivola verso la naturale conclusione quando, al 91’ Liserani, sul limite laterale della nostra area affronta un laziale allontanandolo col braccio largo.

L’arbitro decreta il rigore che Oliva realizza di potenza.

Sembra finita, ma non è così. Liserani decide di …farsi perdonare, si invola sulla sinistra e quasi dalla linea di fondo, calcia in diagonale rientrando verso il centro e batte imparabilmente Magri…

Poi solo il tripudio dei giocatori nerazzurri che vanno a Roma con due gol da difendere.

Ma non sarà davvero facile per l’ambiente che troveranno. Se ne è avuto già un convincente segnale anche se teoricamente giocavamo …in casa noi (per la verità i nostri genitori presenti insolitamente hanno cercato di farsi sentire, ma…) e perché comunque gli avversari, inferiori tecnicamente, hanno forza, determinazione e fisicità importanti

Pagelle

Calligaris: in realtà non ha fatto grandissime parate, ma mi è sembrato un giocatore di enormi prospettive, soprattutto se aumenterà la massa muscolare. 7

Aidoo: quando attacca in velocità è una vera spina nel fianco dei laziali un po’ meno convincente in fase difensiva. Sbaglia un facile passaggio che innesca una pericolosa ripartenza laziale, ma esce da una situazione ingarbugliate con una serie di scatti successivi che provocano un’ovazione dai tifosi di fede interista. 7

(Miconi: entra per Aidoo e fa il suo. Troppo poco per una valutazione. sv)

Guercio: come il compagno di reparto Stabile, si batte bene, però poi se vai a consultare il tabellino vedi che il centrale della Lazio ha segnato due gol (uno su rigore e uno casuale) ha colpito un palo e ha sbagliato un gol facile. 6.5

Stabile: vale il discorso fatto per Guercio. A Roma, giochino loro o altri, bisognerà essere più implacabili per sperare di farcela. 6.5

Motta: buona prestazione di sostanza e intensità. Esce sfinito per i crampi. 6.5

(Castegnaro: pochi minuti per una prestazione non valutabile. sv)

Bovo: giocatore per me imprescindibile nel nostro centrocampo, perché quando Stankovic gioca in difesa è l’unico che ha fisicità e sa tenere la posizione. 7

(Liserani: nell’occasione del rigore l’avversario lo stava passando in velocità e lui allarga il braccio per rallentarne la corsa. Forse il rigore è eccessivo ma l’arbitro che complessivamente ci ha più danneggiati che favoriti lo assegna. Lui ha il merito di riscattarsi alla grande con il gol del 4-2. Pochi minuti giocati in tutto il campionato… io lo ricordavo dinamico ma molto leggero. Sul piano fisico è migliorato. 7 per il gol prezioso)

Di Maggio: grandissimo uomo squadra, centrocampista dai piedi buoni e dalla visione di gioco eccellente. Non ha un gran fisico ma in categoria non la cede a nessuno sul piano della lotta. L’unico dubbio sta nel fatto che muscolarmente sembra aver pochi margini di progresso.  8

Berenbruch: costretto a tamponare le avanzate arrembanti di Cannatelli, si trova in qualche difficoltà, ma quando può distendersi e accompagnare l’azione mostra tutte le sue qualità. 6.5

Ciuffo: giocatore al quale, se in condizioni di forma ottimali, io non rinuncerei mai, per le sue capacità di giocare da ala, da interno e anche da terzino all’occorrenza. Ha velocità, resistenza e buona padronanza della palla. 6.5

Ricordi: giocator rivelazione per me. Ne conoscevo le qualità tecniche eccellenti, ma ricordavo un ragazzino troppo esile per sfruttare al massimo queste doti. Oggi, senza essere un colosso (speriamo anzi che progredisca ulteriormente) riesce a prodursi in giocate entusiasmanti per la loro apparente semplicità. 7

Esposito: un uragano che si abbatte sulla Lazio. Pio sa far tutto. Andare in profondità, giocare spalle alla porta, far da sponda per i compagni, suggerire, spizzare le palle alte, tirare con forza e precisione di testa e di piede. Chi l’ha visto dal vivo in nazionale dice che troppe volte si è fatto anticipare di potenza, riuscendo a sfruttare solo parzialmente le sue doti tecniche. Io penso che ha avuto uno sviluppo in altezza clamoroso e spero (credo) che nei prossimi anni metta quei chili di muscoli che gli permettano di affrontare anche gli avversari più potenti, tra i professionisti. 8.5

(Tamiozzo: pochi minuti non sufficienti per una valutazione, anche se si è battuto con vigore. sv)

Martins: ha sbagliato qualcosa per mancanza di freddezza e lucidità in alcune situazioni, ma ha tenuto in costante allarme la difesa laziale, impedendo che si alzasse troppo, soprattutto dopo lo svantaggio. Lo vedo migliorato. 6.5

(Vedovati: non ha ovviamente la velocità di Martins, anche perché è di altra stazza. Tecnicamente deve migliorare, ma con la fisicità riesce a impegnare i difensori avversari. 6)

Adesso non si deve assolutamente pensare di avercela fatta.

Sarebbe imperdonabile.

A Roma ci aspetta una battaglia epica.

Luciano Da Vite

156 pensieri riguardo “Andata dei Quarti di finale Under 17: Inter – Lazio 4-2

  1. Poi se qualcuno è più bravo di me spieghi come fa Suning , dopo che il loro governo ha dato ORDINE di riportare tutti i capitali in CINA (compreso quelli sul calcio), ha fare questa campagna acquisti e pagare il 12% di interessi entro luglio 2022 del prestito avuto di 296 mila euro . Per me o ha venduto la società o vende SKRINIAR , BARELLA , BASTONI ,BROSOVIC , CHALANOGLU .

    "Mi piace"

    1. Sembra chiaro tra entrate e uscite che non solo non esisterà disavanzo ma avrà utili. Per ora non hanno preso nessuno:
      – i probabili prestiti di asslani e bellanova vengono ammortizzati dalle cessioni dei vari giovani (es. Pirola etc.)
      – gli ingaggi dei parametri a zero come onana e mikhi con la cessione di pinamonti
      – il prestito oneroso secco (difficilmente rivedibile) e ingaggio di lukaku sarebbe ammortizzato dalla cessione di skriniar dai cui soldi si vorrebbe provare a prendere uno tra bremer e milenkovic.
      -la vendita congiunta skriniar dumfries porterebbe a chiudere per un altro esterno ma ricordando che l’attivo non permette di far uscire quanto si guadagna ma molto meno
      – dybala ormai è vincolato a lukaku. L’uscita di correa è impossibile se non in prestito, dzeko e sanchez devi pagarli in buonuscita. L’altro attaccante arriverà dopo queste buonuscite ma solo in caso di occasione in prestito. Altrimenti si resta così.
      Come vedi, Nessun investimento di Zhang

      "Mi piace"

      1. P.s. in tutto questo marotta se riesce come lo scorso anno a non indebolire la rosa e a mantenerla competitiva allo stesso modo fa un capolavoro straordinario. Nessun dg al suo posto è capace di essere creativo e salvare la gestione della proprietà

        "Mi piace"

      2. Insomma quelli presi o che si stanno per prendere non contano perchè sono parametro zero o prestito con diritto o prestito con obbligo ….e poi quante “certezze2 hai…ed io che ho sempre creduto che una parte di mercato è progettata ,ma poi in poche ore possono cambiare scenari ed opportunità ,quest’anno più che mai…..cmque sono io che vivo sulle nuvole e quindio non faccio testo

        "Mi piace"

  2. Lukaku, Asllani, Onana, Mkhitaryan, Bellanova chiusi settimane prima del ritiro. Onestamente così tante buone notizie da questo mercato non me le sarei mai aspettate.

    "Mi piace"

  3. peccato, perché si era messa bene e senza il rigore palesemente inventato saremmo campioni d’Italia.
    per quello che si è visto sul campo, comunque, vittoria del Bologna meritata, ci hanno dominati per tre quarti di partita. Noi abbiamo subito e non riuscivamo a ripartire se non con lanci lungi facile preda dei difensori o con iniziative troppo individuali.
    Non conosco le condizioni atletiche e di forma e di salute dei ragazzi e non so quanto i nostri demeriti siano correlati alla bravura degli avversari. ovviamente non posso sostenere che la formazione fosse sbagliata, anche se io, da casa non l’avrei schierata così.
    Sono mancati quasi completamente i giocatori chiave e i difensori centrali hanno confermato le loro lacune. Anche Bovo, che di solito è importante , è entrato in modo inadeguato.
    Complimenti al Bologna che ha messo in campo una squadra davvero forte (e sta facendo bene un po’ in tutto il settore giovanile).
    A questo proposito gli juventini del blog gioiranno, ma non devono dimenticare che abbiamo vinto due tituli nazionali (U19 e U14) siamo andati in finale con gli U17 e abbiamo stradominato con gli under 13 un torneo con le migliori squadre italiane ed europee .
    In tutte le squadre abbiamo alcuni giovani molto interessanti.
    Per gli juventini, profeti di sventure non solo per la nostra prima squadra, ma anche per il settore giovanile, una bella lezioncina e un invito a essere più prudenti nell’esprimere le loro considerazioni distruttive

    "Mi piace"

  4. Under 17 che si “suicida” calcisticamente dopo aver avuto a lunghi tratti in mano la partita.
    Non può esser omesso però un rigore vergognoso che riapre la partita.

    "Mi piace"

  5. fabio, la partita era in mano nostra purtroppo solo numericamente. In realtà dopo 15-20 minuti abbiamo avuto difficoltà evidenti. E’ vero però che sul 2-0 a 12′ dal termine, se non inventano un rigore per loro finisce 2-0 per noi.
    però nel complesso il Bologna è statpo almeno pari a noi e mi è sembrato che i nostri non ne avessero proprio più

    "Mi piace"

    1. Verissimo. Ma nonostante una pressione costante stavamo.rischiando poco… E un rigore del genere ha dato ulteriori sicurezze e spinta a loro, mentre ha minato le nostre.
      Senza avremmo probabilmente vinto

      "Mi piace"

  6. C’è da dire che il Bologna aveva dei giocatori molto interessanti di cui non mi ricordo i nomi.
    Il più giovane, Ravaglioli mi sembra, autore del primo gol, il numero 8 gran bel regista, il difensore centrale di colore, e poi inevitabilmente anche il 4 autore di una doppietta. Ma in generale si è dimostrata un’ottima squadra.
    Non avendoli visti prima i nostri mi aspettavo molto di più da Stankovic, mentre Caligaris, il portiere, mi sembra un degno prosecutore della nostra ottima scuola dei numeri 1. Di Maggio mi era piaciuto molto nel primo tempo, poi si è un po’ perso. Esposito si vede che ha dei numeri pur non avendo disputato credo la sua migliore partita.
    Peccato.

    "Mi piace"

  7. massfra, come avevo scritto erano sotto tono i nostri migliori: proprio Pio Ale e Luca sono stati al di sotto del loro normale rendimento. bisogna vedere se per stanchezza o perché opposti ad avversari molto forti. Poi anche Bove, che di solito è giocatore importante, è entrato molto molle. Infine i due centrali sono troppo lenti sul breve e vengono superati sullo scatto con eccessiva facilità. Confermo che il Bologna è un’ottima squadra con elementi importanti

    "Mi piace"

  8. Non ho visto il primo tempo e l’impressione è che ci sia stato un cal ofisico nella seconda parte di partita. Ma voglio oanche ricordare che sul 2-0 abbiamo colpito un palo ed abbaim oavuto un’importante occasione con Berembruck,sventata da un grande intervento del loro difensore

    "Mi piace"

    1. Anzi,le cifre che si leggono sono anche più basse.

      Se in poi di considera che l’atalanta ha ottenuto da noi quasi 100 milioni tra Gagliardini, Bastoni e Gosens, l’offerta è persino insultante.

      "Mi piace"

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.